venerdì, 23 Febbraio , 24

Nastro d’argento a Bellucci: intensa la sua interpretazione di Callas

Premio “Protagonista dell’anno” nei documentari 2024 Roma, 23...

Sardegna, Calderoli chiama al voto ricordando rally vinto nel 1982

“Cari amici sardi questa corsa tocca a...

Schnabel (Bce): in Italia crescita tiene e calo inflazione rapido

Ma si conferma “falco” su tassi Bce:...

Intesa Confagri-Unapol per valorizzare filiera olio Evo

AttualitàIntesa Confagri-Unapol per valorizzare filiera olio Evo

Giansanti: serve al più presto piano per innovare il settore

Roma, 29 nov. (askanews) – Una intesa per valorizzare la filiera dell’olio extravergine di oliva made in Italy e ridare slancio al comparto attraverso azioni puntuali che portino a un netto cambio di passo per il settore, ancora troppo frammentato e con realtà disomogenee per livello di innovazione e competitività, soprattutto a fronte dei cambiamenti climatici che incidono sempre di più sui livelli produttivi. L’intesa è stata siglata tra Confagricoltura e Unapol oggi a Palazzo della Valle dai rispettivi presidenti, Massimiliano Giansanti e Tommaso Loiodice, con l’obiettivo di contribuire ad aumentare la produzione oleicola italiana e la commercializzazione del prodotto di origine nazionale e dell’olio extravergine 100% made in Italy, migliorando la redditività delle imprese in un periodo molto difficile per il comparto.

Unapol (Unione nazionale associazioni produttori olivicoli) rappresenta 17 organizzazioni di produttori (Op) di Toscana, Umbria, Lazio, Molise, Campania, Calabria, Basilicata, Puglia, Sicilia. L’intesa con Confagricoltura impegna le parti a collaborare anche per favorire accordi commerciali con player del settore, lavorare su specifiche tematiche ai tavoli di confronto e diffondere conoscenze tecniche.

“E’ importante avviare al più presto un piano per innovare il settore, accompagnato da adeguate misure per le imprese, in un’ottica di mercato internazionale – ha detto Giansanti – Inoltre, promuovere e incentivare la conoscenza del prodotto italiano con un’educazione al consumo e un’informazione sulla ricchezza e la versatilità dell’olio EVO nazionale è altrettanto fondamentale per il rilancio del comparto, che rappresenta una delle eccellenze più conosciute e riconosciute del Made in Italy agroalimentare e ingrediente simbolo della dieta mediterranea”.

“Questo accordo vuole dare maggiore forza e aprire scenari di crescita, miglioramento e sviluppo delle politiche innovative e propositive per il settore – ha spiegato Loiodice – Bisogna fare squadra, proteggere questo prodotto e questo valore senza cadere nel tranello di tornare, da qui a breve, a un sotto -riconoscimento del valore stesso dell’extravergine di oliva, considerando anche i costi di produzione aumentati e le nuove sfide sul piano climatico, che impongono maggiori dispendi. Per fortuna il mercato oggi inizia a comprendere le tre direttrici fondamentali che sono la sostenibilità ambientale, sociale ed economica per le imprese olivicole, così anche, poco per volta, il giusto valore del prodotto finale”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles