venerdì, 23 Febbraio , 24

Nastro d’argento a Bellucci: intensa la sua interpretazione di Callas

Premio “Protagonista dell’anno” nei documentari 2024 Roma, 23...

Sardegna, Calderoli chiama al voto ricordando rally vinto nel 1982

“Cari amici sardi questa corsa tocca a...

Schnabel (Bce): in Italia crescita tiene e calo inflazione rapido

Ma si conferma “falco” su tassi Bce:...

Israele, ucciso comandante Hamas: “Era la mente dell’attacco del 7 ottobre”

Dall'Italia e dal MondoIsraele, ucciso comandante Hamas: “Era la mente dell’attacco del 7 ottobre”

(Adnkronos) – E’ stato ucciso in un attacco aereo delle Forze armate israeliane il comandante della brigata Shajaiyeh di Hamas, Wisam Farhat. A darne notizia sono state le Idf, precisando che era uno dei pianificatori del massacro del 7 ottobre e che aveva inviato gli aggressori al Kibbutz Nahal Oz e alla vicina postazione militare. Farhat è stato imprigionato in Israele dal 1995 al 2005 e, dopo il suo rilascio, è tornato a Gaza e ha lavorato alla produzione di razzi di Hamas. 

Le forze armate israeliane hanno inoltre dato notizia di un’operazione a Beit Lahiya, nel nord della Striscia di Gaza, compiuta prima della tregua. L’operazione aveva portato alla scoperta dell’ingresso di un tunnel scavato all’interno del cortile di una scuola. Il tunnel è stato distrutto dai militari israeliani. A riferirne è il Jerusalem Post. 

Dal canto suo il Regno Unito ha fatto sapere che condurrà voli di ricognizione su Israele e Gaza per prendere parte agli sforzi per salvare gli ostaggi in mano ad Hamas. I velivoli – ha reso noto il ministero della Difesa di Londra – “saranno disarmati, non avranno un ruolo di combattimento e avranno il compito esclusivo di localizzare gli ostaggi”. “Solo le informazioni relative al salvataggio degli ostaggi saranno trasmesse alle autorità competenti responsabili del salvataggio degli ostaggi”. I voli si svolgeranno sul Mediterraneo orientale, operando anche nello spazio aereo sopra Israele e Gaza. 

La Mezzaluna Rossa palestinese ha ricevuto nel frattempo oggi 100 camion carichi di aiuti attraverso il valico Rafah. I camion contengono cibo, acqua, forniture mediche e medicinali. Si tratta dei primi camion entrati a Gaza dalla ripresa dei combattimenti. 

 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles